Vuoi scriverci tu? Fallo!




Il tuo nome (obbligatorio)

La tua email (obbligatoria)

Oggetto

Il tuo messaggio

Rispondi alla domanda (verifica anti-spam)
1+1=? 

Rassegna “Angri a teatro”. Da non perdere i prossimi appuntamenti.

La 4^ edizione della rassegna “Angri a teatro”, in corso dal 10 gennaio nel Teatro S. Caterina con l’organizzazione del Centro Iniziative Culturali e della compagnia Anziteatro, archiviati gli spettacoli del periodo invernale, si avvia a proporre quelli della primavera-estate.

Domenica 26 aprile, alle ore 19:00, torna un appuntamento ormai consolidato della rassegna. Si tratta della serata “contenitore” intitolata “Meglio soli o… bene accompagnati”. Anche quest’anno, come per il passato, sul palco si avvicenderanno interpretazioni vernacolari (Alfredo ed Eleonora Benincasa, Teresa Francese e Gaetano Pepe, che propongono una scena tratta da “Questi fantasmi” e Raffaella Avosso che reciterà alcune poesie di Totò), e interpretazioni in lingua (Ivano Cavaliere che interpreterà brani di Shakespeare, di Brecht e una poesia di suo nonno Francesco, e Maria Teresa Falcone che si cimenterà con un monologo di Stefano Benni dal titolo “Le piccole cose”). Ci saranno momenti più sperimentali (Antonio Lombardi e Silvana Dangelo che rileggono Pinter e il solo Lombardi Karl Valentin) e momenti più comici (Mario Avosso, Giulio Cerchia, Rossella D’Ambrosio, Pina Mauro, Daniele Nocera, Emanuele Panella e Alberto Raiola, che porteranno in scena “La signora delle camelie”, un cavallo di battaglia di Gigi Proietti). Ma ci sarà spazio anche per l’illusionismo (con il graditissimo ritorno di Luigi Grimaldi che delizierà il pubblico con i suoi giochi magici e i suoi colombi) e per la musica (con il Trio Moresca che proporrà alcuni brani della tradizione napoletana e con Giovanni Ferraioli, giovane rapper angrese).

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati da *

*

Le opinioni e i giudizi espressi nei commenti sono esclusivamente riferibili agli autori dei commenti stessi. In ogni caso non sono ammesse frasi diffamatorie, offensive, razziste o ingiuriose.