Vuoi scriverci tu? Fallo!





Il tuo nome (obbligatorio)

La tua email (obbligatoria)

Oggetto

Il tuo messaggio

Rispondi alla domanda (verifica anti-spam)

Contraddizioni angresi / 31

“Lo specchio dei tempi” di Luigi D’Antuono

FANTASMI A … PALAZZO

Negli ultimi Consigli Comunali si è notata un’alta percentuale di assenze tra i Consiglieri di opposizione. Non credo che ci sia bisogno di ricordare a nessuno che per esserci democrazia c’è bisogno di una maggioranza e di una minoranza. Se quest’ultima non esiste, o quasi, non siamo più in un contesto democratico e se poi questo succede ad Angri dove c’è un’Amministrazione non molto attenta al principio di legalità siamo proprio messi male.
GLI EVASORI ANGRESI? …FANTASMI!

Il consigliere Cosimo Ferraioli giudica fallimentare l’azione della SOGET e Mauri risponde attaccandolo: come mai un uomo di sinistra non vuole la lotta l’evasione? E poi fornisce una serie di dati relativi alle somme accertate e riscosse
dalla SOGET. Nella replica Ferraioli, dopo aver precisato che la lotta all’evasione è un atto dovuto e quindi non è né di destra né di sinistra, ricorda al Sindaco che la Relazione dei Revisori allegata al Rendiconto 2012 e da lui approvata insieme ai suoi consiglieri c’è scritto che il Comune l’anno scorso ha incassato ZERO euro dalla lotta all’evasione.
Su quest’ultimo punto Ferraioli ha sicuramente ragione tant’è vero che il Sindaco non ha controreplicato; in merito alla lotta all’evasione mi sembra invece che il consigliere d’opposizione voli troppo alto e non colga in pieno l’atteggiamento doppiopesista di Mauri: oggi che sono Sindaco la lotta all’evasione è sacrosanta, quando ero all’opposizione invece la contestavo e mi vantavo pubblicamente in Consiglio Comunale di non aver fatto entrare in casa i rilevatori del Comune (non della SOGET), invitando i cittadini a fare altrettanto.

PARTITI FANTASMA

L’inesistenza dei partiti a livello locale ormai è conclamata e neppure il dibattito sul futuro urbanistico del paese fa sentire il bisogno di sentire i propri iscritti e confrontarsi con essi, salvo poi andare alle consultazioni con l’Amministrazione e parlare a nome di Partiti fantasma. A me poi è capitato qualcosa di paradossale. Il Vice Sindaco mi ha invitato a partecipare alle riunioni consultive, il Partito a cui sono iscritto ha pensato bene di non invitarmi nemmeno a scaldare una sedia.

UN CAPANNONE FANTASMA

I problemi urbanistici rappresentano un aspetto molto delicato della vita politica locale: su queste tematiche tante Amministrazioni sono cadute, tanti Amministratori sono scivolati e si sono fatti pure male, prima e dopo l’approvazione dei piani urbanistici. La legge prevede che vi sia comunque un’ampia e preventiva consultazione della cittadinanza prima della loro approvazione e l’Amministrazione Mauri, in modo encomiabile, ha deciso di coinvolgere nella discussione anche i cittadini delle zone periferiche, solo che, volontariamente o meno, si è dimostrata molto superficiale: in qualche caso, infatti, non ha prestato sufficiente attenzione a dove organizzava le riunioni e se era opportuno scegliere una sede piuttosto che un’altra. Ma a Mauri, si sa, certe sfumature gli fanno un baffo!

I FANTASMI DELL’ALBO PRETORIO

Traendo spunto da un comunicato stampa molto duro nei confronti del Sindaco (“Mauri bugiardo e incapace”) il direttore del quotidiano on-line “Angri.info”, Amedeo Santaniello, sottolinea giustamente l’estrema facilità con cui sul suo sito è possibile accedere alle notizie di archivio. Per la verità anche per quasi tutti gli altri giornali on-line si riesce più o meno facilmente a recuperare le notizie meno recenti, solo per il sito del Comune ciò è
quasi impossibile (volutamente?). Colgo l’occasione per chiedere ai colleghi giornalisti se non sia il caso di sottoscrivere un documento congiunto o di promuovere qualche iniziativa (magari col patrocinio dell’Associazione dei giornalisti dell’Agro) affinché l’Amministrazione comunale provveda a rendere il sito istituzionale più ricco e completo, per favorire chi ha bisogno di prendere visione degli atti amministrativi del nostro Comune. È una battaglia utile sia per la categoria giornalistica che per tutti i cittadini e determinerebbe un ulteriore passo avanti verso la trasparenza e la democrazia nel nostro paese. Che ne dite cari colleghi ?

I COMMENTATORI FANTASMI

ANGRI ’80 nei suoi trent’anni di vita non ha mai dato spazio agli anonimi che lanciavano la pietra e nascondevano
la mano; il diffondersi dei social media ha, invece, ridato fiato e agibilità a questi soggetti, spesso poi strumentalizzati da qualcuno che usa il giocattolo a proprio piacimento e secondo il proprio tornaconto. In questo modo i social media e l’informazione on line invece di favorire il dialogo e il confronto tra i cittadini diventano il veicolo preferito per giocare a chi la spara più grossa nonché per insultare gratuitamente e apoditticamente (senza documentarlo), spesso in modo anonimo, buoni e cattivi senza distinzione alcuna. Con quali conseguenze? La regressione civile, il disimpegno sociale, l’insofferenza verso chi ha idee diverse dalle proprie.

LE MAZZATE FANTASMA

Giovedì 3 ottobre scorso, Palazzo comunale, stanza del Sindaco: urla, minacce e, a quanto sostengono molti, duro scontro fisico con arrivo finale dei Carabinieri; protagonisti lo stesso Sindaco, Pasquale Mauri, il consigliere comunale Marcello Ferrara e suo figlio, l’Assessore Vincenzo Ferrara. Non ci interessa conoscere di chi sia la colpa, o la maggiore colpa, di questo penoso e vergognoso episodio, che, immediatamente diffuso dagli organi di informazione, non ha certamente contribuito a dare una immagine positiva del nostro paese e dei suoi rappresentanti istituzionali.
Del resto, per chi conosce i precedenti tra Mauri e Ferrara senior e la loro virulenza caratteriale non rappresenta affatto una sorpresa l’accaduto; anzi la sorpresa sta nel fatto che finora non fosse ancora accaduto! Nei giorni successivi, il Sindaco ha cercato di smentire o sminuire al massimo l’accaduto, confermando inconsapevolmente la permanente attualità del profetico editoriale apparso sull’ultimo numero di ANGRI ‘80: “Ch’è stato?”, “Niente!”

UN MESSAGGIO FANTASMA? ASSOLUTAMENTE VERO!

Restando in tema, un nostro concittadino ciha girato un messaggio ricevuto nel mese di Settembre e speditogli da uno dei Sindaci dell’Agro nocerino mentre era in corso una riunione dei primi cittadini al Piano di zona.Premesso che da alcuni mesi c’è una profonda spaccatura dei Sindaci in due tronconi e che spesso sono volati gli stracci, in una delle riunioni settembrine il nostro Sindaco si deve essere talmente distinto nella “pacata” difesa delle sue idee e nell’ “equilibrato” attacco alle posizioni divergenti dei suoi colleghi che uno di essi ha così messaggiato ad un amico angrese: “Con un Sindaco così chiedete lo stato di calamità naturale!!!”.
I FANTASMI RISORTI
Il 26 settembre scorso l’Assessore Giuseppe Mascolo ha enfaticamente dichiarato: “… Grazie a questa Amministrazione Angri è risorta, diventando una città viva e dinamica, pullulante di attività e talenti …”. Ovviamente, sulla scorta di quanto ho abbondantemente scritto negli ultimi tre anni, avrei buon gioco a contestare, parola per parola, le iperboliche affermazioni dell’Assessore alla cultura, anche perché di angresi morti e risorti non ne ho visti in giro; men che meno ho visto un pullulare di attività e i talenti angresi “emersi grazie a questa Amministrazione”(le “mezzecalzette” forestiere, invece, sì!!!): i gruppi teatrali angresi sono ancora in attesa della Rassegna promessa e promossa da questa Amministrazione. Su un punto, invece, l’Assessore è stato profetico, visto quanto poi accaduto il 3 ottobre scorso nel Palazzo comunale: grazie a questa Amministrazione Angri è ora una città vivace e dinamica …, a partire dallo stesso Sindaco e da qualche altro rappresentante istituzionale.

(dal numero di Ottobre 2013)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *